Parliamo di dipendenze… | Assemblea d’Istituto Liceo Scientifico-Linguistico U.Midossi

Oggi, 9 aprile 2018, presso la sala della chiesa della Santa Famiglia di Nepi, si è svolta l’Assemblea d’Istituto del Liceo Linguistico-scientifico U.Midossi che ha visto la partecipazione e l’intervento della Comunità Incontro di Amelia.

Come spiegato dalle operatrici presenti, la Comunità Incontro Onlus è una libera associazione senza scopo di lucro, fondata da Don Pierino Gelmini che opera dal 1963 nel trattamento delle dipendenze. La riabilitazione basata sull’ergoterapia permette il trattamento delle dipendenze sia da sostanza sia comportamentali aldilà della gravità con cui si manifestano. Il lavoro consente di recuperare un contatto più adeguato e concreto con la realtà. La vita comunitaria induce un ritmo di vita regolare in un ambiente protetto in grado di facilitare non solo la riflessione su di sé ma anche le relazioni interpersonali sane, elementi che sono alla base delle possibilità di recupero.

In seguito alla spiegazione delle due operatrici sui progetti e le attività svolti dalla Comunità Incontro e alla visione di un video che mostrava la struttura in tutte le sue parti, a prendere parola sono stati alcuni dei ragazzi li ospiti che hanno raccontato la propria esperienza. Ognuno aveva la sua storia, ognuno a modo suo aveva provato sulla sua pelle come le droghe ma anche altri tipi di dipendenze avevano rovinato la loro vita. Inoltre, al termine delle varie testimonianze, c’è stato un momento di incontro in cui gli alunni hanno potuto porre ai ragazzi della comunità alcune domande.

I gentilissimi operatori e i ragazzi hanno per di più omaggiato i ragazzi di due libri: il primo “Lettere dalla droga” che raccoglie le lettere di ragazzi scritte a Don Pierino Gelmini, e il secondo “Cristoterapia” che parla di come aprirsi a Dio per affrontare questo tipo di problemi.

In conclusione, che questo incontro, non solo per i presenti, possa sensibilizzare i ragazzi di oggi sull’utilizzo di droghe e sulle conseguenze che queste potrebbero avere nella loro vita. Sentire parlare ragazzi di esperienze che sembrano così lontane dalla realtà di tutti i giorni ha lasciato molti a bocca aperta. Bisognerebbe aprire gli occhi e diventare responsabili delle proprie azioni perchè la dipendenza da sostanze o altro potrebbe toccare chiunque.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *