Approvata la “Carta consultiva dei diritti degli studenti in alternanza”

Nella plenaria del 26 marzo la Consulta Provinciale degli Studenti di Viterbo ha approvato una carta consultiva provinciale che riassume i diritti minimi che, secondo noi, andrebbero garantiti agli studenti che fanno alternanza scuola-lavoro. Ad esempio il fatto che non si possa essere interrogati dopo l’alternanza, o che questa debba essere gratuita, o ancora che debba coinvolgere gli studenti nella scelta dei percorsi. La carta nasce da un’iniziativa di ascolto che è iniziata ormai due anni fa con i primi monitoraggi della Consulta sull’alternanza, a cui hanno partecipato i Rappresentanti degli studenti delle scuole della provincia, iniziativa poi ripetuta lo scorso e integrata con il questionario regionale e l’iniziativa della Regione Lazio all’Università di Roma3 “Se faccio imparo”. Anche quest’anno, dopo la realizzazione da parte del ministero di una carta nazionale e da parte della regione lazio di una carta regionale (particolarmente importante perché investe 500 mila euro per la formazione dei tutor e dei progettisti) ritenute comunque insufficenti e lacunose, abbiamo realizzato una plenaria congiunta Istituto – Consulta, in cui i Rappresentanti, dopo aver raccontato le esperienze nelle loro scuole hanno elaborato questa carta provinciale.
La carta, oltre ad essere una proclamazione ideale, ha anche un’importante applicazione pratica. Infatti lo scopo è quello di creare una discussione sul tema nei Comitati Studenteschi e nelle Assemblee d’Istituto, discussione che, come difficilmente accade, tocca e prova a dare una soluzione ad un problema quotidiano e percepito da noi studenti. Per poi farla approvare, controfirmata dagli studenti della scuola, all’interno dei Consigli d’Istituto, in modo tale che venga recepita e applicata dagli istituti d’istruzione, potendo così garantire partecipazione e diritti ad una buona alternanza, gratuita, accessibile, partecipata e di qualità.


Carta consultiva dei diritti dello studente in alternanza

Esempio di carta da adottare negli istituti

Veronica Conti

Membro commissione "Comunicazione", Consulta degli studenti di Viterbo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *